Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l' informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.

Primo Piano

Le opere di Emmanuele Panzarini per un 2019 tutto da scoprire. Il nuovo Calendario di Banca Annia in edizione limitata.

Emmanuele Panzarini, giovane visual artist padovano che sta facendo parlare di sé in ambito nazionale ed europeo per l'originalità delle sue opere artistiche, trova uno spazio prestigioso nel nuovo calendario 2019 di Banca Annia.

Una ulteriore iniziativa che si aggiunge al caleidoscopio creativo di nuovi progetti, sviluppati da Panzarini, per trasmettere molteplici stimoli socio-culturali all'immaginario collettivo, rendendo il pubblico partecipe di riflessioni e forti emozioni.

Il calendario, realizzato in edizione limitata, raccoglie 12 opere scelte tra le sue installazioni artistiche più famose, realizzate nel tempo sia in Italia che all'estero. Una grande opportunità per portare nelle case la conoscenza di una nuova forma espressiva, raggiungendo un pubblico più ampio e trasversale per interesse, genere e fascia d'età.

Abbiamo avuto modo, in diverse occasioni, di ammirare la creatività e l'originalità delle opere di Emmanuele, sottolinea il Presidente della Banca Mario Sarti. Banca Annia, nell'ambito della sua attività mutualistica, finalizzata a produrre utilità e vantaggi non solo economici per il Territorio in cui opera, ha accolto con favore l'impegno a sostenere la realizzazione del Calendario 2019 valorizzando l'ingegno e la passione artistica di questo giovane e promettente talento.

Vorrei ringraziare personalmente il Presidente Mario Sarti e il Direttore Andrea Binello per aver saputo cogliere e sostenere questa particolare iniziativa artistica. Non capita spesso infatti di poter incontrare persone sensibili e aperte a nuove contaminazioni con il mondo dell'Arte. Un elogio quindi a una banca del territorio per la sua capacità di saper ascoltare le istanze locali, un'attenzione che difficilmente si potrebbe riscontrare in realtà più grandi.