Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l' informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.

Primo Piano

Assemblea Generale. Plauso dei Soci che approvano il 1° bilancio d'esercizio post fusione

Cartura, 15 aprile 2018. Presso la tensostruttura adiacente alla Direzione Generale di Via Roma a Cartura (PD) si è svolta l'Assemblea Generale Ordinaria dei Soci di Banca Annia. Alla presenza di circa 600 Soci è stato approvato il bilancio d'esercizio 2017, il primo bilancio dopo la fusione con Banca del Veneziano. Numerose le attestazioni di fiducia indirizzate al tavolo istituzionale durante gli interventi dei Soci. Piena soddisfazione, per i dati e gli indici positivi consuntivi, è stata espressa all'Assemblea dal Presidente di Iccrea Banca SpA, ing. Giulio Magagni, che ha fornito qualche anticipazione importante sulle novità contenute nella Riforma del Credito Cooperativo, efficace dal 1° gennaio 2019. Per tale ragione i Soci saranno chiamati nuovamente al voto dopo l'estate per approvare le modifiche statutarie che recepiscono il nuovo dettato normativo ed i contenuti del c.d. Patto di Coesione, siglato tra Banca Annia ed il Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea. 

Presentiamo di seguito il quadro di sintesi dei numeri di bilancio:
Banca Annia è una realtà di Credito Cooperativo che opera in 112 Comuni che conta quasi 9.000 Soci, oltre 60 mila Clienti36 Filiali dotate di sportelli automatici, 326 dipendenti. Sul fronte delle masse gestite a fine dicembre 2017 Banca Annia presenta una raccolta diretta di € 1.219,9 milioni, una raccolta indiretta pari a € 557,6 milioni mentre l’ammontare degli impieghi con la clientela raggiunge € 992,4 milioni. Nel corso del 2017 la Banca ha svolto una forte azione di sostegno al Territorio attraverso l’erogazione di finanziamenti per oltre 114 milioni di euro.  

In crescita la solidità patrimoniale con i fondi propri che raggiungono i € 108,04 milioni ed un indice di solidità TIER 1 che aumenta di circa il 10%. La gestione d’esercizio 2017 presenta un utile netto che supera 1,1 milione di euro.
Gli accantonamenti prudenziali effettuati negli anni hanno permesso di raggiungere un tasso di copertura delle sofferenze del 60%. Grazie all’integrazione delle due Banche i costi operativi sono diminuiti di quasi 10 milioni di euro (-21% rispetto al dato aggregato delle due banche al 31/12/2016). La Banca ha registrato un margine di intermediazione di oltre 50 milioni di euro. Per quanto riguarda l’impegno a favore delle comunità locali la Banca, richiamandosi ai valori istituzionali, è intervenuta sostenendo numerosi progetti solidali nel terzo settore, realizzando 126 iniziative di carattere assistenziale, culturale e scolastico, sportivo e ricreativo elargendo 109 mila euro di contributi.

"Il processo di aggregazione - sottolinea il Direttore Andrea Binello - procede secondo gli obiettivi previsti dal piano industriale. Tra i fattori chiave di successo riconosciamo il buon clima organizzativo aziendale, la qualità dei servizi, il livello consulenziale ed assistenziale raggiunto dai nostri collaboratori grazie ai forti investimenti effettuati nella formazione. Per il futuro proseguiremo ad incentivare la diffusione della multicanalità digitale, fruibile da ogni dispositivo,che sta rivoluzionando profondamente l’esperienza d’acquisto ed uso dei servizi bancari."