Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l' informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.

Primo Piano

Banche Differenti

 

IL CREDITO COOPERATIVO ITALIANO


In Italia operano 317 Banche di Credito Cooperativo (pari al 54,4% delle Banche operanti in Italia) con 4.374 Sportelli sparsi in maniera capillare su tutto il territorio nazionale.

Al 30 Settembre 2016 il Credito Cooperativo occupa una posizione di primo piano nel sistema bancario nazionale per: 

- numero di sportelli, con una quota di mercato pari al 14,9%;
ammontare di impieghi pari a 133,2 miliardi di euro (quota del 7,2%);
- ammontare di provvista complessiva pari a 193,1 miliardi di euro;
- ammontare del patrimonio pari a 19,9 miliardi di euro;

 

PERCHE' LA BCC E' UNA BANCA DIFFERENTE

BCC - DIFFERENTE PER NATURA

Le Banche di Credito Cooperativo oltre a svolgere la tradizionale funzione di intermediazione creditizia, offrendo tutti i servizi bancari tipici, sono intermediari "speciali" in ragione di alcuni tratti distintivi: la cooperazione, la mutualità, il localismo e la responsabilità sociale che le rendono "Differenti per natura". 

BCC - DIFFERENTE PER VALORI

I valori nei quali il Credito Cooperativo si riconosce e che derivano dalla sua identità, sono delineati nei seguenti documenti principali:

  • il fondamento nell'art. 2 dello Statuto Sociale;
  • la Carta dei Valori ne è una declinazione, riferita alle persone;
  • la Carta della Coesione è la sintesi dello stile della mutualità riferita alle strutture del sistema del Credito Cooperativo e alle loro relazioni interne
  • la Carta della Finanza libera, forte e democratica, che ribadisce l'impegno economico, civile e sociale delle Banche di Credito Cooperativo nella costruzione di una nuova fase di crescita del nostro Paese. 

  

         

  

BCC - DIFFERENTE PER NORMA

La normativa che regolamenta l'attività delle Banche di Credito Cooperativo è definita dal Testo Unico Bancario del 1993 e dalle disposizioni della Vigilanza emanate dalla Banca d'Italia, nonché dalla normativa civilistica sulle società cooperative. Da tali prescrizioni si evince che la BCC è l'unica Banca mutualistica del mercato ed è tra le poche Banche completamente locali.